Le rughe della fumatrice non c’entrano col fumo

rughe della fumatrice-donna-che-fuma-foto

Scopro ora che c’è chi crede davvero che le rughe della fumatrice dipendano dal fatto che chi le ha, fumi.
Mi domando allora se “le collane di Venere” vengano solo a chi si è fatto prestare i gioielli della dea, e se le “zampe di gallina” siano tipiche di chi mangia pollo.

Sono tutti modi di dire, ovviamente.
Inoltre la maggior parte dei fumatori è uomo, e gli uomini non sembrano soffrire particolarmente delle rughe della fumatrice.

Il termine rughe della fumatrice o codice a barre si riferisce alle piccole rughe verticali che si creano in particolare sul labbro superiore dopo una certa età. Sono particolarmente evidenti quando si contraggono le labbra, che sia per fumare, per fischiare o per bere con una cannunccia, e no, nessuna di queste attività è CAUSA di queste rughe.

Le rughe della fumatrice si formano perché la pelle intorno alle labbra è sottile, come quella intorno agli occhi, e perde elasticità in modo più evidente. Il volume delle labbra, inoltre, diminuisce con il passare del tempo e la pelle che le ricopre, non più elastica e adattabile, si raggrinzisce di conseguenza.

Avere o non avere queste rughe quindi, non dipende dal fatto di fumare o meno, fermo restando che fumare non fa mai bene alla pelle in generale e a molti altri organi.

Questo difetto estetico è pressoché inesistente nelle popolazioni africane che presentano labbra spesse e si presenta più raramente in chi è di carnagione scura. È più comune tra le donne, che hanno una pelle più sottile degli uomini, e in generale dipende dalla conformazione della bocca, dalla dimensione dei muscoli labiali e dalla posizione dei denti dietro le labbra. Chi aveva labbra sottili già da giovane tende a svilupparle più facilmente. La stessa cosa vale per chi ha preso molto sole in passato.

La soluzione più comune a questo problema estetico è l’infiltrazione di sostanze che “riempiono” i tessuti profondi della pelle, creando volume e quindi inducendo la pelle a distendersi. Di solito questi prodotti si chiamano “fillers” e possono essere iniettati soltanto da un medico. La sostanza dei fillers è riassorbita gradualmente in un arco di tempo di circa tre mesi, dopo i quali è necessario ripetere l’operazione.

I trattamenti di idratazione superficiale della zona interessata non servono a molto: le rughe si formano in uno strato profondo della pelle, che una crema non può raggiungere. Servono piuttosto a cercare di ritardare la comparsa di tali rughe. A tale proposito se ci si espone al sole è sempre bene usare una crema solare con una buona protezione: più la pelle è sottile, più il sole tende a danneggiarla, molto più del fumo.

I trattamenti di abrasione della pelle intorno alla bocca riducono per circa un mese la visibilità delle rughe, ma rischiano di rendere la pelle ancora più fragile e peggiorare la situazione in futuro.

La ginnastica facciale può essere utile per aumentare il volume dei muscoli labiali e di conseguenza ri-tendere la pelle in modo naturale. Può non funzionare in modo soddisfacente se le rughe sono molto profonde o se i muscoli delle labbra sono particolarmente deboli e piatti, oppure se il labbro superiore è molto sottile e allungato, e se gli incisivi sono piegati verso l’interno della bocca. In casi di labbra di questo tipo ha poco effetto anche l’impiego dei fillers.

Per aumentare il volume dei muscoli delle labbra non è sufficiente mandare baci, sorridere più spesso, o fare la “O” con la bocca. Usiamo le labbra per mangiare, ridere e parlare tutto il giorno: qualche secondo di smorfiette non può certo risolvere il problema; occorre farle lavorare molto di più. È necessario sviluppare i muscoli delle labbra con il Face Sculpting, usando dei “pesi” che si contrappongano all’attività del muscolo.
Nel caso della ginnastica facciale i pesi sono costituiti dalle dita che si oppongono al movimento. Le contrazioni devo essere brevi e potenti e occorre saperle fare in modo efficace. (Contrazioni tenute a lungo rendono il muscolo più resistente, ma non lo sviluppano in modo particolare).
Durante questi esercizi non si forma alcuna piega della pelle.
Questo video, che è solo esemplificativo, mostra la contrapposizione delle dita contro il lavoro dei muscoli delle labbra.

Per cercare di migliorare l’aspetto delle proprie labbra in autonomia con la ginnastica facciale c’è il libro Labbra Perfette in vendita su Amazon, in formato cartaceo e digitale.
libro-labbra-perfette-ginnastica-facciale
SCOPRI VISOTONIC!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *